Community Spotlight - Dappur

febbraio 26, 2021     Annunci  

Dappur Community Spotlight

Anche se Rocket League ha iniziato a far parte dello scenario videoludico da poco più di cinque anni, tra i suoi giocatori professionisti sono già rappresentate diverse generazioni. Non nel senso di "Gen Z contro Millenial", ma nel senso che Rocket League Esports è composto da giovani nuovi arrivati e dalla vecchia guardia. Quest'ultima consiste di giocatori che sono attivi da anni e che hanno visto squadre e metagame andare e venire. Dappur è uno di questi giocatori. 

Dappur, il 21enne che quando non gioca a Rocket League si chiama Chris Mendoza, ha fatto parte di svariate squadre dell'ecosistema di Rocket League Esports sin dal 2015. Ha iniziato a giocare quando il gioco è stato pubblicato e non ha mai smesso. 

Un amante della competizione in erba

Dappur ha sempre amato la competizione ancor prima di dedicarsi ai videogiochi. Questa propensione è nata durante la sua infanzia con sport tradizionali come il basket, la corsa e il flag football. Il suo talento naturale col controller è poi sbocciato quando sua madre gli ha acquistato un GameCube con Mario Kart: Double Dash. Double Dash non era un gioco online, quindi Dappur puntò a sconfiggere i bot della CPU. 

"Giocavo in modalità Gran Premio, ma dovevo arrivare primo", ricorda Dappur. "Non volevo fare semplicemente più punti. Dovevo finire primo in ogni gara. Se non ci riuscivo, uscivo e ricominciavo. Non sopportavo di perdere." 

La naturale evoluzione di un amante della competizione con un GameCube conduce a Super Smash Bros. Melee. È stato il primo gioco per il quale lui e i suoi compagni di classe sono diventati competitivi. Dappur ha iniziato la scalata nella sua cerchia di amici durante i ritrovi organizzati dai loro genitori. Quando è diventato troppo bravo per i suoi amici, ha iniziato a impegnarsi per affrontare i fratelli più grandi. 

"Il mio migliore amico aveva un fratello davvero bravo. Mi ci è voluto un po', ma sono riuscito a superarlo", afferma Dappur. "Un altro amico aveva invece tre fratelli maggiori. Erano tutti più bravi di noi, quindi volevo raggiungere il loro livello. Ci incontravamo spesso e giocavamo soltanto a Melee. Era un vero spasso."

Melee è stato il primo assaggio di esports per Dappur. Mentre migliorava, ha iniziato a seguire con i suoi amici la scena competitiva diventando fan di campioni del calibro di Mew2king e Mango. Poi, Dappur ha messo alla prova le sue abilità in un torneo locale. Un incontro con un famoso giocare di Melee, Westballz, gli avrebbe insegnato di essere ancora un pesce piccolo.

"Io e i miei amici siamo andati a un torneo locale ad L.A. e io sono finito contro Westballz. Mi ha distrutto completamente", ride Dappur. "Quell'esperienza mi ha messo di fronte alla differenza abissale tra le mie e le sue abilità. Faceva tutte quelle piccole cose di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza. È stato in quel momento che ho capito quanto siano incredibili i professionisti rispetto alla gente comune che gioca semplicemente al gioco." 

Quella sonora sconfitta gli servì come esperienza per il suo futuro da professionista. 


Dappur 2 Community Spotlight

Un pioniere di Rocket League Esports

Invece di concentrarsi su Melee, con l'andare degli anni Dappur ha iniziato a orientarsi verso altri giochi. Ha partecipato a tornei del primo Call of Duty: Black Ops per poi buttarsi a capofitto nella scena PvP di Destiny, giocando con alcuni nomi importanti della community.  

"All'epoca, Destiny godeva di una scena PvP piccola ma competitiva", spiega Dappur. "Giocavo con Triplewreck e Datto, tra i primi ad aver completato il raid Volta di Vetro. Non ero in quel gruppo, ma facevo parte della squadra PvP del clan. Il clan aveva dei server di TeamSpeak dove ci sentivamo settimanalmente, e Datto ha presentato a tutto il server questo nuovo gioco chiamato Rocket League." 

Alcuni giocatori del clan hanno iniziato a giocarci nel tempo libero, ma Dappur ne è rimasto subito stregato. Gli ci sono voluti soltanto un paio di mesi prima di abbandonare completamente Destiny e di iniziare a concentrarsi unicamente su Rocket League. Non puntava a diventare un professionista. Sostiene che è successo abbastanza spontaneamente. 

"Il mio gruppo di Destiny ha giocato per un po', ma io sono diventato molto bravo in pochissimo tempo, e loro non hanno più voluto giocare con me", spiega Dappur. "Volevo solo scalare le classifiche. Era tutto nuovo e ho pensato che sarei migliorato in fretta se mi fossi concentrato sui duelli 1v1. Per me ha funzionato. All'improvviso ero tra i migliori 100."

Nel 2016, Dappur avrebbe dovuto competere nella prima stagione della Rocket League Championship Series (RLCS), ma i suoi compagni di squadra non avevano verificato l'e-mail in tempo. Il risultato fu la squalifica di quei due giocatori e Dappur si ritrovò senza una squadra. Approfittò di quel periodo per competere in alcuni tornei minori, ottenendo grandi successi. 

Dappur si stava creando una reputazione nel panorama competitivo di Rocket League, il tutto mentre frequentava la scuola superiore. Dato che le sue abilità sul campo stavano iniziando a portare profitti, si stava concentrando più su quello che sugli studi. 

"Quando ho iniziato la scuola superiore frequentavo tre corsi avanzati per semestre", ricorda Dappur. "Poi è diventato solo uno e, quando è uscito Rocket League, li ho abbandonati del tutto. Non sapevo cosa volevo fare dopo la scuola superiore, quindi per un po' ho deciso di puntare tutto su Rocket League. Adesso che ho qualche anno in più, guardandomi indietro penso che avrei dovuto impegnarmi un po' di più a scuola, ma mi è andata bene [risata]."

Mentre iniziava a farsi un nome tra i fan di Rocket League, c'era qualcuno vicino a Dappur che non aveva idea di quanto fosse bravo: sua madre, Abigail. Dappur aveva nascosto il suo successo a casa. Questo finché non si qualificò per la Stagione 3 del Campionato del mondo della RLCS a Los Angeles come membro dei Selfless Gaming. 

"Ho detto a mia madre di essermi qualificato per i campionati mondiali", spiega. "Erano nello stesso fine settimana della cerimonia di diploma. Quindi sono dovuto andare alla cerimonia e poi direttamente all'evento. Ricordo che mia madre è venuta con me. Siamo arrivati all'ingresso del punto d'incontro e dopo nemmeno 30 secondi qualcuno mi ha chiesto una foto e un autografo. Mia madre era confusa. Ricordo che mi ha chiesto: 'Ma sei famoso?'. Poi ha visto la folla e tutto il resto, e si è convinta. Da allora non mi ha domandato più niente e, anzi, mi ha sostenuto molto."

Nonostante un deludente 9°-10° posto alla Stagione 3 del Campionato del mondo, Dappur ha continuato ad allenarsi e a competere ai livelli più alti di Rocket League. Ha collezionato primi posti a eventi di alto profilo come i primi X Games Rocket League Invitational, i Rocket League Universal Open 2v2 dell'NBC e vari tornei mensili. Anche se gli alti sono stati molto alti, Dappur ammette che la sua carriera ha avuto anche dei bassi. L'intoppo peggiore è arrivato durante la Stagione 5 dell'RLCS, quando la sua squadra, Counter Logic Gaming, è stata retrocessa alle Rival Series. 

"Avrei dovuto giocare nelle Rival Series con un nuovo terzo, ma [il mio compagno di squadra] Mijo ha deciso di diventare il giocatore di riserva di un'altra squadra", spiega Dappur. "A causa di questo siamo stati costretti a scioglierci. Non ho avuto altra scelta che diventare un giocatore di riserva. È stato l'unico momento in cui ho davvero smesso di competere, però continuavo a giocare. Mi piaceva ancora, quindi ho iniziato a concentrarmi di più sullo streaming e a competere di meno."

Dappur ha visto campioni andarsene e nuovi giocatori arrivare, ma è sempre riuscito a rimanere ai livelli più alti dell'esport. È riuscito a tornare sulle scene con i Susquehanna Soniqs per la Stagione 9 dell'RLCS e per gli RLCS X. Nel corso della sua carriera su Rocket League ha fatto parte di più di una dozzina di squadre, ma dice che quella è stata la sua preferita. 

"Era il sogno degli esports: vivere nella stessa casa, giocare insieme. È stata un'esperienza completa. C'era una bella atmosfera."

Al momento, Dappur è il giocatore di riserva dei Kansas City Pioneers.

"Competendo ho imparato molte lezioni di vita. Continuo a divertirmi anche da riserva o semplicemente facendo da coach. Non è proprio quello che mi aspettavo, ma è comunque qualcosa che mi piace. Non mi pento affatto di essermici dedicato. A volte lo do per scontato. Se mi guardo indietro, mi rendo conto che mi diverto ancora tanto."

Dappur vive ancora a L.A., dove gareggia e fa live su Twitch. La sua passione sono ancora Rocket League, i videogiochi in generale e, ovviamente, competere. Essendo al vertice del panorama competitivo di Rocket League dal 2015, ha un consiglio da condividere con chiunque voglia seguire i suoi passi. 

"Non concentratevi su un gioco che non amate, vi renderà infelici. Se vi piace il gioco e aspirate a migliorare, finché vi impegnerete verrà tutto naturale. Ma dovete impegnarvi. Ho visto molti giocatori di talento non raggiungere il proprio potenziale perché non ci dedicavano tempo a sufficienza. L'impegno batte il talento se il talento non si impegna." 

Potete seguire Dappur sul suo canale Twitch , dove fa live regolarmente.